Giovedì 17 Ago 2017
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Stampa

Rassicurazione per i compiti di chi canalizza, con fatica, in questo tempo.

. Pubblicato in URIEL

 (Messaggio di Melchisedek di a.m.d.)

 

16 Marzo 2008

Mi hai conosciuto, un giorno mi sono a te manifestato e non una sola volta, per un contatto possibile con te, mi sei stata condotta da chi mi esprime per sapere superiore, e per sua facoltà di accogliermi. Canale efficace, ho potuto dettare a lei la storia dell’uomo, che fosse detta a un’umanità che ha dimenticato. A te altri compiti, come Anna sa, come le è stato affidato da dire. Io pure sono a dirti che sei, tramite di Mechisedek, tramite designato per discendenza da un ceppo che rappresenta la creazione originale come doveva essere riportata in terra perché gli uomini futuri crescessero a immagine di quell’emanazione di Dio. Conoscesti e affiancasti Ministri del dovere superiore per la terra e non solo. I disegni divini erano chiari alla vostra comprensione, vi partecipasti da soggetto attivo, operante per sostegno. Ritorna a te la tua natura originale, non la memoria, il destino con un tramite designato, ti ha portato a me. La tua natura vera è emersa solo poi, inizialmente era forte su di te l’accumulo negativo del vissuto di più vite. Ma ti vidi, ti vide Melchisedek, li eri attesa, come già prima l’altra Anna, per dire di noi, dei disegni per questo tempo, per la trasformazione attesa che ora può avvenire per l’energia che dai nostri mondi proviene per aiuto e per voi terreni scelti per descrivere e indirizzare. Non da ora mi hai trovato accanto a te. Il mio pianeta dal bagliore metallico, che vedesti, emana energia dinamica, ciò che ora serve per aiuto alla terra. Di questa sei stata investita, alla tua preghiera nell’impotenza di vivere, un compito per aiuto e incapacità di reggere il carico, in quel momento ne eri schiacciata. Nell’inerzia indotta è passata in te un’energia, ha trapassato le facoltà fisiche, indotte allora ad uno stato di vuoto. Si doveva correggere la tua natura quale era, si doveva perfezionare come è stato. Sensitivi qui arrivati l’hanno avvertita senza poterla comprendere essendone stati toccati, dopo uno sballo si troveranno più forti e pronti a percorrere e comprendere, la strada con nuova comprensione.È segnale dato perché vediate che se riunite le nature diverse con uguali intenti, potete raggiungere unità di opere in un dinamismo utile a tutti. Hai conferma che ti ho sempre osservato, conosco verità che vedi secondarie rispetto al programma che si compie comunque. Il mio tramite è stato ricondotto all’Egitto antico per comprendere conoscenza di me. A te la possibilità di elevare il livello di sensibilità, più di capacità: e ciò che ti era stato promesso è avvenuto, e ora liberi costrizioni dovute ad un cambiamento di livello che sola non potevi compiere.Può ancora avvenire perché in vari periodi, e sempre più, siete chiamati ad una accelerazione del tempo, da sostenere con energia diversa, più forte ogni volta; il nome di questo dinamismo si deve correggere il fisico per sostenerlo.Come avevi intuito, tutto ciò che avviene è per poter servire il tempo, con un fisico che si rinnova. Sai già di avere un compito in tal senso, oltre al tuo compito di comunicatore. Sei ora certa del mio sguardo su di te, la forza ti accompagna, e la serenità che puoi trovare dai tuoi giorni così intensi, così densi di doni.

 

Uriel