Domenica 25 Giu 2017
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Stampa

Il Miracolo e la richiesta in umiltà

. Pubblicato in URIEL

 Canalizzato da Cristiana Vignoli 

15/3/08

Un punto fondamentale, che ora pochi rispettano è: l'UMILTA'. L'umiltà non intesa nel senso di io non so.. io non valgo... ma nel senso di io mi accordo alle leggi della Natura e dell'Universo, io sono parte della Luce divina nel tutto. Solo così ritornerà nella nuova età, che gli antichi chiamano "età dell'oro" l'Armonia e la Serenità. L'età dell'oro si riferisce al colore della luce che verrà canalizzata da chi resterà; vi sarà luce dorata gialla per le culture, per la natura e la vita terrena, e luce dorata bianca per gli illuminati, coloro che si dedicheranno alla meditazione e alla preghiera per chiedere all'Energia della Vita che MAI più avvengano stravolgimenti che si frappongono alla Natura.
Se avete scelto una determinata vita (questa vostra sulla terra) è per comprendere alcuni limiti, alcune sofferenze e non per lottare contro la Natura non per modificarla.
L'UMILTA' è accettare le regole che sapevate esistere sulla terra prima di nascere.
I limiti e gli impedimenti facevano parte del gioco, dovevate giocare con le pedine che vi sono state date.
Il peccato di presunzione è staccarsi dalle regole di Natura e volerle modificare, è un giocare in modo scorretto.
Vi è solo una forza che modifica la realtà, veramente, ed essa è chiamata da voi MIRACOLO ovvero "evento straordinario" fuori dalla norma, dal comune.
Il miracolo avviene sempre e solo nell'Umiltà, nell'inserimento nella Luce Divina e nell'accettazione delle regole.
Il miracolo è dato dalla fede e dall'affidarsi all'Amore Cosmico Universale che ci aiuta, tutti, perché è il luogo da dove siamo partiti, tutti, è la materia con la quale la vostra e la nostra anima vibra, è sintonia e non arroganza.
Nella Fede avviene il miracolo perché si chiede umilmente di cambiare una regola, un evento giacché troppo doloroso da accettare.
Si ammette la propria debolezza che nell'Aldilà, da dove provenite, avevate sottovalutato, giacché vi consideravate in grado di sopportare tutto.
L'umiltà nell'ammettere d'aver sbagliato, sopravvalutato le proprie forze, porta all'Armonia con la Luce Divina e al Miracolo.
La scienza e la tecnologia attuali sono peccati di arroganza, l'egemonia delle religioni sono peccati di arroganza, la genetica che trasforma la natura è un peccato di arroganza e tutto ciò porterà alla distruzione di gran parte dell'attuale mondo "civile", per ritornare in armonia con la Natura, per ritornare nell'umiltà e nella Luce Divina.
Istruite i vostri figli alla sopravvivenza, non alla scienza; all'umiltà non all'arroganza, al gioco e al sorriso non alla lotta.