Domenica 28 Mag 2017
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Stampa

Il nutrimento dell'uomo nuovo

. Pubblicato in MELCHISEDEK

 (Messaggio di Melchisedek di a.m.d.) 

5 Aprile 2008 

Melchisedek si rivolge al suo canale e dice. La forza e le vibrazione che hai evocato un tempo sempre ti sostiene. Fa che non ti abbandoni, sei solo tu l’interruttore per il contatto, hai molti segnali di attenzione in eventi e coincidenze che non puoi ignorare; a te di percorrere la strada indicata per essere tramite. Su questa strada trovi conferme e prove di attenzione su di te che mi rappresenti. In tutti i modi ti comunico attenzione, fa che la debolezza di un tempo ti renda sensibile e schiva, evita rapporti ormai inutili ma coltiva quelli con chi ti comprende e mi comprende, li ho portati a te perché siete tutti parte del Progetto che si compie, insieme siete una cassa di risonanza della forza che anima il tempo, che può attivarsi in chi ha orecchi per intendere.Questi sono i soggetti che guidano la trasformazione, altri come te sono il tramite che induce o completa l’informazione utile.Sono molte le persone che non sanno udire ne intendere canti celesti, ciò che è dovuto alla superbia dell’essere. Molti si credono intelligenti, affascinanti, affermati, e inseguono solo i giochi della mente, che afferma tali presunte qualità, in realtà inesistenti, perché l’intelligenza del nuovo tempo è nel cuore, il fascino è nel vibrare dell’anima che trasforma nel progresso, l’affermazione è dell’ individuo consapevole, che allora può riconquistare forza e concentrarsi in questa. A chi crede e non giudica con durezza, a chi non critica ciò che non sa per sua limitazione, chi vive questo in umiltà ha dischiuso le porte a messaggi di Luce che piovono dai nostri mondi. Sarà questo il nutrimento del’uomo nuovo che cerca conoscenza, non affermazione della personalità esteriore, decaduta con il decadere di un mondo a cui sono vincolati, ma che appartengono al passato. La forza è convogliata alla nuova terra che sta rinascendo dalle macerie che travolgeranno quella parte che non sa allontanarsi dalle lusinghe del male, che peraltro ora sta mostrando apertamente il volto, in una sarabanda di cattivo gusto dilagante, sesso sfrenato, musica ossessiva, di più violenza. In questo quadro si evidenzia l’indifferenza non che l’impotenza contro fame, soprusi, morte in aumento per guerre e persecuzioni voluti da pochi potenti in difesa di grandi ricchezze, mai sufficienti ai loro appetiti. Si tratta di una prova per l’umanità.Chi continua a proteggere solo se stesso, la propria rispettabilità, la propria famiglia, e ignora la famiglia umana di cui è parte, chi volutamente si isola per non vivere il dolore dilagante che chiama a prendere posizione contro il male, chi nella superbia ignora il fratello sofferente in questo tempo sarà destinato a soffrire una totale impotenza negli eventi più gravi, la debolezza in se emergerà in malattie che contraddistinguono questo tempo, e chi non ne sa cogliere le sollecitazioni.Queste inducono a trasformazione, occorre trasformare, non soggiacere.Appare provocatorio, appare arduo questo da dire a umani impotenti, come si è visto nella realtà che conosci. Questo è da indurre alle nuove generazioni che possono accogliere e nella elasticità di sentimenti in divenire, alcuni saranno felici di trovare possibilità di espansione, quell’espansione che trasporta ora il tempo in cui inserirsi.Il messaggio sia contro superbia e giudizio, ognuno rivolga il giudizio a sé per migliorarsi. Non ci dilungheremo su questo, serve a te e chi ti circonda: liberiamo il campo per nuovi traguardi.

Melchisedek