Giovedì 14 Dic 2017
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Stampa

La Luce informa i propri canali dei loro compiti, e li sorregge

. Pubblicato in MELCHISEDEK

 (Messaggio di Melchisedek di a.m.d.) 27 Marzo 2008
Da ciò che dico a te, mio canale, altri potrebbero “fiutare” un profumo, intravvedere una luce con solo un po’ di attenzione ma questo non è più prerogativa umana, l’intuizione li ha abbandonati, per meglio dire è inascoltata, nella dilagante esaltazione del pensiero neanche molto acuto, ma tutti esaltano, si ascoltano, si compiacciono…come vuoi trovar spazio per ciò che io dico a te? E parchè lo dico  a te? Perché tu da allievo fedele alle tue origini lontane, continui a tenere in te come esigenza primaria il ricordo e la venerazione della Luce, l’esigenza di servire per essere, la certezza di portare questo nella vita, al primo posto, in una parola la fede antica e rinnovata, che ti ha dato tale interiorità.Questo in te vive e si rafforza, nonostante le prove e un destino avaro, tu mai hai dubitato. In te la fede anche se non palese ha generato forza che vedi, si è rafforzata.Per ciò sei mio interlocutore, per ciò puoi esprimere il divino e ciò che ne discende. Senti questo collegamento, ora ti è chiaro. Ciò che ritenevi in te normale possibilità non lo è, è cosa di pochi anche se tutti parlano di fede esercita nella preghiera e nelle pratiche religiose diffuse.Vedi che non si può misurare nessuno, nell’intimo invisibile è la realtà delle persone. Oggi hai avvicinato chi pure ha posto la fede al primo posto in vita, nel servizio da compiere anche come informatore. Per lei successo, premio a molta fatica…ma sente come te un umiltà innata, la ha avvicinata a te per tua conferma, perché tu sappia a quali livelli, solo, puoi trovare comprensione di me, per ciò che ti dico.L’intelligenza va oltre il raziocinio e l’intelligenza del cuore che sa per avere appreso come te, sapienza negli antichi riti e iniziazioni di esseri designati, quali siete nei tempi antichi, nei tempi a venire. Il dialogo è utile quale scambio del sapere appreso, utile e non necessario, di più parlano a voi messaggi diversi dove rivelazioni coincidono, rivelazioni ricevute su percorsi diversi perfettamente coincidenti le rivelazioni. Ancora le sentirai dire, nel compito a lei affidato e riconoscerai ciò che ti dico, per compito e privilegio. Sia gioia per questo incontro, dai nostri mondi lo abbiamo voluto, e Uriel ti ha assistito con la forza. È importante il riunirsi delle forze che esprimete, siete simili come tramite, tu silenziosa per destino, lei estroversa per natura donata.Ma le vostre facoltà riunite sono propulsive, potente ciò che vi attraversa per giungere ad altri, in uno scambio anche di forze cosmiche che rappresentiamo, dove io raggiungo Anna e Uriel viene a te: tutto per conferma che l’energia divina è Una e si esprime per canali diversi e disponibili, ma sempre, si potenziano.In questi ultimi mesi, tutto si compiva in te, per tuo avanzamento. Sai ora che eri guardata e assistita da Urano, sai dell’energia già inviata per sostegno, in tutti i modi Uriel si è palesato: questo per dirti che non puoi ritenerti inutile, perché forse inascoltata dai tuoi simili. Sei invece ascoltata ove è presente quell’intelligenza superiore che sa la realtà che governa i tempi e la terra, quella realtà in cui sei inserita con un dovere da compiere, non ancora per dire a tutti, no certo, ma sempre più ascoltata nei tempi a venire in cui coscienze si aprono, le coscienze di quelli che permettono il cambiamento o vi partecipano. In questi vi sono antenne per ascoltare, per udire e comprendere.Non sono intorno a te, ancora non li vedi, il tempo sta maturando, e quando sarà, un richiamo vi porterà in un luogo, vi riunirà, vi riconoscerete. Perciò non cercare ora intorno a te ascoltatori. Le cose che vengono a te sono di grande portata, non sai quanto, per ciò umanamente non le puoi comprendere, si può scusare l’incredulità. Ma apri gli occhi e gli orecchi ai segnali che ti arrivano, ti parlano di ciò che sei, ciò che è da portare alla conoscenza che si rinnova.

Melchisedek