Lunedì 24 Lug 2017
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Stampa

PARLARE IN SILENZIO

. Pubblicato in MAESTRI CINESI

(dialogo medianico tra Maestro Huang e Imperatore)

Il Maestro Huang coltiva fiori nel suo giardino nel cielo. E spesso parla, come fanno i cinesi, attraverso le allegorie della Natura.

Quando vengo a parlare con voi vi porto i fiori di pesco, che da voi sulla Terra fioriscono a primavera.

Noi qui, non essendo legati alle stagioni, abbiamo sempre i fiori, perché nascono dalla nostra mente, dal nostro pensiero, dalla nostra volontà.

I tulipani. Il pesco. Il girasole. E tanti altri fiori, qui non muoiono mai. Anche quelli che sulla Terra si sono estinti, qui esistono, perché possono ritornare.

Il mio giardino è pieno di fiori in questo periodo.

I fiori sono la rappresentazione dello spirito.

Abbiamo camminato, con il Saggio Mo-Tzu, nei vialetti di questi giardini.

E abbiamo parlato tanto. Senza però capirci.

Poi un giorno ci siamo guardati, e senza dire nulla, da quel momento siamo stati insieme senza parlare.

In silenzio.

E abbiamo capito che comunicavamo più nel silenzio, che con la parola.

I fiori, quando camminavamo vicino a loro, erano più belli.

Imparate dal silenzio. Acquetate la mente. Acquetate lo spirito. Acquetate il corpo. Acquetate le pulsioni, le tensioni.

Rimanete un minuto, un'ora in silenzio.

Questo è lo scopo della vita. E questo è ciò che noi abbiamo capito in questo tempo. Ci siamo lasciati senza salutarci.

Semplicemente guardandoci e sorridendo.

Io penso di aver comunicato a lui tante cose.

Come lui le ha comunicate a me.

Poi ci siamo incontrati ancora.

Molte altre volte, con il grande saggio.

Che per me ha un difetto: "Ascolta, ma non parla".

Lui vuole che io parli e il suono della mia voce, entrando dalle sue orecchie, dentro di lui, lo rende sereno.

Ha passato un periodo molto difficile. È stato imprigionato, legato. Poi slegato. E incatenato. È difficile capire chi non parla.

Lui parla solo con gli occhi. Con le mani. Ma ascolta. E ciò che ascolta spesso non gli piace.

È strano che io riesca attraverso i miei fiori, la natura, i miei vestiti, la mia vita… che io riesca a comunicare con lui. Perché quando ci incontriamo lui sorride. E mi fa cenno di parlare. E allora…

Allora parlo. E così a volte passiamo le nostre giornate… io parlo e lui ascolta.

Oppure ci guardiamo in silenzio, sorridendo. E riusciamo a comunicare così molto di più di quando io parlo.