Domenica 28 Mag 2017
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Stampa

IL SEME

. Pubblicato in MAESTRI CINESI

Huang -Ti Mo-Tzu

Se l'uomo guardasse la natura e cercasse di apprendere da essa i suoi insegnamenti, capirebbe molte
cose della vita, delle sue esperienze e della sua evoluzione.
La paura è ciò che condiziona l'uomo in ogni pensiero, in ogni scelta e in ogni azione. L'uomo dovrebbe avere "il coraggio di vivere" ed affrontare le prove della vita con forza e determinazione. L'uomo vive in sé grandi paure, ma la più grande è, senza dubbio la paura della morte.
Per vincere questa paura dovreste provare a pensare alla Natura perché, quando venite sulla terra, siete come un seme. Quando il seme muore lascia ogni sua parte terrena sulla terra, affinché entri nel ciclo biologico e serva ad altri per germogliare e vivere. Quando un seme viene messo nella terra, sprigiona una grande paura perché teme di restare solo e di morire senza dare ciò che deve: i suoi frutti. Con il passare del tempo la paura aumenta, ma la terra, che lo circonda, gli dà protezione, vigore e calore, facendolo schiudere e germogliare, con la sua azione sino a farlo diventare albero.
Attraverso questa metamorfosi la paura si trasforma in allegria, l'oscurità in luce e il seme acquista
coraggio e forza.
Mentre cresce, il seme pensa che tutto sia merito suo e non considera che la sua crescita fa parte di un disegno universale. Peccando d'orgoglio, crede sia merito suo avere vinto il buio, la solitudine e il freddo e pensa che solo la sua forza lo abbia trasformato in un albero. Non considera gli agenti esterni che lo hanno fatto schiudere e trasformare, ma solamente la sua forza ed il suo ego.
Anche l'uomo spesso vive in questo modo e quando nella vita viene colpito da malattie, disgrazie,
sofferenze o morte, si dispera e piange, non considerando che tutto questo gli è stato dato per acquisire esperienza, per liberarlo dalla paura che lo attanaglia dalla nascita. Se foste colpiti da una di queste disgrazie, dovreste sorridere perché, attraverso di esse, la legge universale vi insegna a vivere e a incontrare le vostre esperienze.
Sorridere per noi orientali è necessario come respirare, bere o dormire, perché solo così possiamo scaricare ogni tensione, pulsione o negatività. Se il sorriso, di fronte ad una negatività non vi nasce spontaneo, pensate che attraverso di esso la legge dell'Universo vi insegna a vivere e a incontrare le vostre esperienze e ridete di tutto ciò che vi succede, sia della vita che della morte, perché è questo
l'insegnamento.