Lunedì 24 Apr 2017
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Stampa

Io sono Maria Maddalena

. Pubblicato in MADDALENA

Dalla prefazione del libro di Anna Maria Bona "Maddalena, l'altra metà di Cristo".

L’Entità che io rappresento vive nel Sole spirituale laddove esiste il “Logos Cristico”, e non ha un tempo definibile come voi umani lo concepite. Io sono l’espressione Femminile di Cristo che, in tutti i tempi della vostra storia, ha accompagnato l’energia del Maschile Divino. Cristo ed Io rappresentiamo un’antica sostanza secondo la visione dell’essere androgino da Dio plasmato, perfettamente bilanciato tra la polarità maschile e femminile. Siamo quindi due facce della stessa medaglia.L’energia che si sta esaurendo ora in Terra pone fine ad un tempo troppo caratterizzato nel maschile e fortemente squilibrato. Esso lascerà spazio all’essenza del potere della Dèa, che diventerà strumento per creare un rinnovato stato di coscienza. Nel momento in cui l’energia del Femmininio Divino sarà risvegliata, riconquisterete l’armonia e la saggezza, indispensabili elementi che porteranno linfa vitale per la costruzione del mondo che verrà.Certo vi chiedete, a livello concreto, quale sia il modo per far emergere dentro di voi il femmininio sacro, quando ancora le vostre anime subiscono gli effetti devastanti della separazione, causati da un dominio maschile prevaricante!Vedete, amati, avete dovuto incarnarvi molte volte, attraverso schemi evolutivi, ora maschili, ora femminili per bilanciare ciò che indelebilmente si è impresso nell’anima e che vi ha allontanato dalla coscienza del vostro essere eterno e Divino. Per guadagnarvi il discernimento spirituale avete vagato nei livelli di coscienza, cercando l’ascesa verso lo Spirito e l’unione cosmica dimenticata.Il segno profondo dello squilibrio è stato trasmesso nel vostro codice genetico. Avete relegato le vostre virtù femminili ad oggetto di piacere attraverso una volgare sessualità, trascurando inesorabilmente il potere dello Spirito. Reprimendo il femminile avete generato divisione, e lo avete costretto alla sottomissione e alla disparità.Io vi annuncio che l’uomo non riuscirà a realizzarsi fino a quando non equilibrerà i suoi due emisferi celebrali, facendo cadere le barriere della dualità ancora radicate nel DNA.L’uomo nuovo sta emergendo dalle ceneri del vecchio e si sta amalgamando alle nuove frequenze che impereranno nel prossimo futuro. Oggi nel mondo molti uomini di Dio si stanno unendo e la vostra fede sta  muovendo montagne finora invalicabili.. ormai siete pronti ad affrontare l’Armagheddon; l’ultima battaglia finale che vedrà schierare le due forze opposte del bene e del male. Siate saldi in questi frangenti; solo l’unione e la coesione tra voi e con Dio, sono in grado di portare quella forza e quella luce necessaria al cambiamento.L’Ordine iniziatico di Melchisedek, che ha avuto il ruolo iniziale i Re Sacerdoti del ramo di Jesse, da cui discende anche Gesù, ha il compito di purificare e riscaldare l’anima caduta, offrendovi quella conoscenza che non è perduta, ma solo eclissata e pronta a rifiorire. Melchisedek rappresenta la virtù Celeste più alta, la vibrazione energetica suprema del sistema solare, il gran mediatore tra Dio e gli Angeli, il Re dei Re, che attualmente sta richiamando le anime votate a Lui per antico patto. Egli è preposto ai tempi finali ed è strettamente legato a Me, come archetipo della Grande Madre Celeste, della Sophia, di Iside, perché dove risiede l’energia Cristica lì io sono, eternamente unita, per risvegliare le coscienze allontanate dalla fonte che premono per la loro realizzazione.Questi sono i tempi in cui il potere dell’energia della Déa ristabilirà la sua presenza sulla Terra, lasciando fluire armonia attraverso le nuove griglie cristalliche che io, Regina bianca e regina nera, avrò cura di proteggere. Ne scaturirà un nuovo modo di percepire la vita che determinerà un’espansione al livello del cuore e finalemente, da quest’Unità riconquistata, sboccerà la Legge dell’Amore.Luminoso futuro agli uomini e a chi fede ha. 

Io sono Maria Maddalena