Mercoledì 20 Set 2017
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

CERCHI NEL GRANO. VITA EXTRATERRESTRE

Stampa

MESSAGGI DAL COSMO E DISINFORMAZIONE

. Pubblicato in CERCHI NEL GRANO. VITA EXTRATERRESTRE

(Articolo di Gian Marco Bragadin)

Il settimanale “News” ha dedicato un ricco dossier alle apparizioni di extraterrestri, ed alla possibile esistenza di altre forme di vita nell’Universo.
In questo articolo, ed altri che seguiranno, cominciamo a verificare i diversi punti di vista.
Il potere del cinema di Hollywood è sempre stato il migliore alleato dei governi USA, e non soltanto al tempo del maccartismo, per diffondere il sogno americano nel mondo, ma anche per nascondere le malefatte del potere politico. E Steven Spilberg, uno dei “guru” di Hollywood, dopo averci raccontato in modo addirittura mistico, l’incontro tra terrestri ed alieni, in “Incontri ravvicinati del terzo tipo”, ed averci mostrato la dolcezza di E.T, che ha insegnato a milioni di bimbi l’amore per gli Esseri venuti dal cielo, eccolo ora invertire improvvisamente la rotta, a proposito di extraterrestri, per proporci la riedizione di un vecchio film “La guerra dei mondi”, e cioè una terribile apocalisse, l’invasione della Terra da parte di cattivissimi esseri venuti dallo spazio.
Perché questo cambiamento? Anche in Italia, dopo un periodo in cui la televisione presentava seriamente gli avvenimenti sovrannaturali, tra cui il “contattismo”, lo studio degli UFO e delle relazioni con gli extraterrestri, si è passati a censure o derisioni su questi argomenti.
Perché? Perché anche gran parte della stampa ridicolizza o nega l’esistenza degli alieni?
Ormai gli avvistamenti UFO sono diventati milioni, e vengono registrati in ogni parte del mondo.
L’apparizione ogni estate di cerchi nel grano, non più solo in Inghilterra, cerchi sempre più grandi, perfetti, meravigliosi, dovrebbe stimolare alla ricerca non solo i pavidi rappresentanti di TV e carta stampata, ma la stessa scienza ufficiale, che invece di tentare di nascondere il fenomeno, magari con l’appoggio del fantomatico CICAP, avrebbe il dovere di studiare, di mostrare coraggio nel dichiarare che le nostre attuali conoscenze non sono in grado di dare spiegazioni a questi fenomeni.
Viene da pensare che è in atto, in tutto il mondo, un’azione mediatica di disinformazione globale.
Si sa che ci sono speciali Commissioni di studio dei Governi in USA e in Russia, speciali rapporti che restano “top secret”, ma l’umanità viene tenuta al buio su quanto succede.
Esistono i visitatori extraterrestri? Chi sono? Da dove vengono? Che cosa ci vogliono comunicare?
Qualcuno risponde che l’umanità resterebbe sconvolta da queste rivelazioni. Che i potenti del mondo rischierebbero il loro potere se la gente sapesse che da sempre gli extraterrestri sono intorno a noi, per aiutarci, secondo le leggi dell’armonia e dell’amore, che regna in tutto l’Universo.
E quindi avanti con le campagne di disinformazione, che li dipingono come invasori terribili che – a somiglianza di quello che facciamo noi terrestri – vogliono conquistarci e distruggerci.
Nonostante ciò, la sapienza popolare degli italiani non sembra troppo influenzata da queste attività antialiene, come dimostra una recente indagine EKMA, i cui dati sono qui a fianco.
Ma il dato più interessante dell’EKMA è questo. Un italiano su tre crede che intelligenze aliene sono già entrate in contatto con il nostro mondo.
E’ quanto scriveva Eugenio Siragusa, il maggior contattista italiano già nel 1982, ed è riportato sulle pagine di UFO, la bella rivista edita da Giorgio Bongiovanni fino a qualche anno fa.
Scrive Siragusa: “il 33% degli italiani crede agli UFO. Sono tutti mongoloidi o imbecilli? Certo è una realtà che disturba i dittatori della mente e dello spirito. Questi signori del mondo temono di perdere l’egemonia del potere politico, economico e religioso sulle masse. Paura del panico? No. Paura delle verità che potrebbero rendere liberi gli uomini”.
Con Internet si sono diffusi i messaggi di veggenti e contattisti di tutto il mondo. E’ in atto una contro-informazione potente, guidata da Ashtar Sheran, (per i più l’Arcangelo Michele) per preparare gli uomini ai futuri prossimi catastrofici eventi.
Scrive Giorgio Bongiovanni, lo stigmatizzato di Fatima, uno dei maggiori veggenti odierni, che potete seguire sul sito http://www.marediluce.com/, che le intelligenze extraterrestri, al servizio della Luce Divina e del Cristo, continuano ad avvertire i potenti della Terra, che non è più possibile continuare a depredare il Pianeta, a fare guerre, ignorare la fame di milioni di bambini.
La Terra si ribellerà (lo tzunami non è che l’inizio). I responsabili dell’Ordine Cosmico temono che la Terra possa distruggersi, come già accadde con Atlantide e stanno all’erta. Con la loro tecnologia super sofisticata, possono bloccare in pochi secondi ogni tentativo di guerra nucleare. Chi sono? Per i credenti sono gli Arcangeli, per gli altri gli Esseri di Luce extraterrestri. E’ una bella sorpresa scoprire che operano per la stessa causa.
Come sanno i servizi segreti, anche se ciò è super top secret per la gente, gli extraterrestri hanno già avuto un contatto con Eisenhower nel 1954 e anni dopo con Kennedy e Krushev, impedendo una guerra atomica.
Bongiovanni, che da sincero amico di Gorbachov, ha avuto accesso agli X-Files del KGB in materia extraterrestre, e di conseguenza ha conosciuto i segreti custoditi dagli americani, ha da anni il compito di rivelare alla Terra che gli Esseri di Luce che vengono dal Cosmo, non intervengono direttamente nella vita dei terrestri, perché avendo un compito di tipo spirituale, attendono la nostra evoluzione, che è la caduta delle separazioni tra razze, popoli, religioni, per ritrovarsi tutti nella luce dell’amore, della pace e della giustizia.
Ed una volta raggiunta sulla Terra la fratellanza fra gli uomini, questi saranno pronti all’incontro, alla presa di coscienza che non siamo soli, ma che apparteniamo al Cosmo, dove vige la legge dell’armonia che governa le galassie, quando finalmente ogni uomo si sentirà unito ai suoi fratelli del Cielo, e soprattutto al Signore di ogni Creazione.
Vi sembra un progetto accettabile dai vari governi? Dalle varie chiese? E allora potrebbe aver ragione Bongiovanni e gli altri come lui.
Ecco perché la vita extraterrestre non “deve” esistere. Sarebbe questa la prima vera rivoluzione dell’uomo. Quella di essere davvero libero.

Pubblicato da "Il Clandestino" Agosto 2005